mercoledì 9 settembre 2015

Il Falco pecchiaiolo in Abruzzo

Passeggiando lungo uno dei sentieri delle montagne abruzzesi, ho avuto il piacere e la fortuna di incontrare, verso la fine di luglio, due splendidi esemplari di Falco pecchiaiolo. 
E' la prima volta che osservo questa specie sui Monti Carseolani (mi è già capitato di osservarli a Roma, alti nel cielo, alla Caffarella o in prossimità del Lago ex Snia, durante il passo migratorio), volavano molto bassi e uno dei due aveva predato un piccolo rettile (una lucertola o un ramarro), visibile negli artigli. 
Il Falco pecchiaiolo è un migratore, arriva dall'Africa sub-sahariana a maggio e tra non molto (fine agosto/inizio settembre) vi farà ritorno.
E' probabile che abbiano nidificato proprio vicino al luogo dove li ho avvistati, il che è piuttosto importante, dal momento che è considerato un nidificante scarso in Italia (dove comunque non mancano i siti di riproduzione, lungo l'Appennino o sulle Alpi), alla quale preferisce i territori dell'Europa centrale, orientale e settentrionale.
I pecchiaioli sono insettivori (sono ghiotti soprattutto di vespe) e integrano la dieta anche con qualche piccolo rettile, anfibio o mammifero. Per alimentare i piccoli spesso portano loro i nidi interi delle vespe, dai quali estraggono le larve dai buchi con la punta del becco o con gli artigli.
Il suo aspetto in volo è imponente, l'apertura alare può raggiungere i 135 cm. Usa spesso le correnti ascensionali di aria calda per volteggiare in termica, come fanno anche i Grifoni o le Poiane (con le quali spesso viene confuso). 
Durante la migrazione pre e post-riproduttiva, migliaia di esemplari attraversano lo Stretto di Messina, dove purtroppo fino agli anni 70 e 80 erano oggetto di una caccia spietata, soprattutto in Calabria. Oggi la situazione è decisamente migliorata, ma il fenomeno del bracconaggio purtroppo persiste e centinaia di Falchi pecchiaioli cadono ancora sotto il tiro delle doppiette. 
E' una specie particolarmente protetta dalla Direttiva Uccelli.







Nessun commento:

Posta un commento